La Qualità? Un vero e proprio vantaggio competitivo

Specialmente nel Manufacturing (ma non solo) la Qualità e il Compliance Management possono diventare validi vantaggi competitivi per i Produttori. E’ sufficiente in molti casi soddisfare i criteri della Qualità e della Compliance per superare le aspettative dei clienti in tutte le aree ed è solo attraverso un sistema di gestione della Qualità che si può pensare di ottenere dati tempestivi ed accurati che consentono di mantenere la Compliance.

Questo significa mettere in atto un Sistema della Qualità che è completamente “Customer-Centric” e che trae vantaggio dai regolamenti e dai requisiti del settore per determinare il livello di affidabilità di un Produttore. Tanto più il sistema è regolato quanto più sarà “facile” diventare eccellenti agli occhi dei clienti con la semplice osservanza delle regole stesse di Compliance.

Ma cosa vuol dire Qualità? Una buona definizione è quella che identifica la Qualità come una serie di situazioni in cui il prodotto soddisfa ed eccede le aspettative dei clienti su base costante. In questa situazione le regolamentazioni e la Compliance definiscono meramente i confini minimi di tali aspettative. Se la Qualità significa andare oltre le aspettative, questo significa che non sarà sufficiente osservare i criteri minimi delle regolamentazioni e che ci sarà l’opportunità di ottenere la vera eccellenza andando oltre tale stretta osservanza.

Ciò che fa di un Produttore un’azienda eccellente si può riassumere come segue:

1) le sue strategie di prodotto

2) i processi e i sistemi per tradurre la domanda dei clienti in offerte di prodotto e

3) le tecnologie di supporto per collegare i diversi reparti aziendali impegnati in questo sforzo.

Il Quality Management è fondamentale per consolidare queste tre aree attorno ad uno scopo comune e quando la Compliance e la Qualità sono fatte per la cura del cliente e sono quindi customer-centric, ciascuna delle tre aree sopra definite sente l’urgenza di collaborare e di condividere le informazioni necessarie perché il cliente sia servito nel modo più profittevole possibile.

L’aspetto della riduzione dei costi è un fattore ugualmente importante a sostegno del Quality Management, per le ragioni seguenti:

1) il costo della non-qualità per i Produttori può arrivare sino al 25% del budget totale dei costi di un’azienda;

2) decine di aziende appartenenti alla classifica Fortune1000 sostiene di pagare oltre un miliardo di dollari per anno in costi dovuti alla non-Compliance;

3) i costi derivanti dai controlli dei regolatori sono di gran lunga più importanti dei costi derivanti dalle attività di Compliance e di Quality Management.

Le strategie normalmente utilizzate per fare della Compliance e del Quality Management un vero vantaggio competitivo sono universalmente riconosciute essere le seguenti:

1) l’esistenza di un unico “System of Records” che possa guidare il Produttore verso i suoi obiettivi di Qualità

2) la presenza di sistemi ERP e di Quality Management costruiti sul sistema di business e di Quality Management effettivamente adottato dal Produttore

3) la presa in conto di parametri-chiave interni ed esterni come i livelli di qualità dei fornitori esterni, la necessità di dotazioni interne e l’opportunità di creare workflow CAPA (Corrective Actions & Preventive Actions) consente di ottimizzare i livelli di Qualità e di affrontare dinamiche come le variazioni di processo, le lamentele dei clienti e le inconsistenze di prodotto.

Leggi anche:

Gestire e valutare i fornitori come criterio di eccellenza

Quality 4.0 e gli impatti positivi per la qualità

Tag: , , ,

COPYRIGHT 2017 - BLULINK SRL - P.IVA 01432110359